La Camera di Commercio Italiana in Marocco conferma la volontà delle autorità economiche italiane di mantenere i loro impegni economici con il Marocco nonostante la crisi sanitaria legata al Covid-19. Confermiamo che le fabbriche e i siti di produzione e di distribuzione in Italia sono in attività e potranno rispondere alle commesse del Marocco. Il Ministero degli Esteri ha deciso, a partire dal 10 marzo, di sospendere temporaneamente tutti i collegamenti marittimi e aerei tra i porti e gli aeroporti del Regno e i porti e gli aeroporti italiani. Siamo fiduciosi di poter riprendere la normalità convinti che le misure precauzionali adottate dall’Italia e dal Marocco fossero necessarie.

L’impegno degli operatori economici italiani e marocchini prosegue quindi in modo regolare ma costante: anche i Saloni internazionali sono solo rinviati. Mercoledì scorso l’Italia ha già annunciato una dotazione complessiva di 25 miliardi di euro per combattere l’epidemia. Martedì la Commissione europea ha discusso la creazione di un fondo di investimento di 25 miliardi di euro «in risposta al coronavirus», destinato in particolare ai sistemi sanitari e ai settori vulnerabili che riguardano aziende e PMI. Ci rivolgiamo ai nostri membri e partner che amano l’Italia e che hanno fiducia nella cultura economica del nostro Paese. La Camera di Commercio Italiana in Marocco rimane aperta al pubblico su appuntamento: ccim@maroc.com